Biblioteca Aperta a scuola

Non è il bambino che deve andare in biblioteca, ma è il libro che deve andare a scuola

  • Biblioteca Aperta A Scuola APERTA.Jpg
Il progetto è stato attuato nella Scuola primaria di Casale Litta (Varese) ed è presentato con integrazioni ed ampliamenti nel mio libro: "La biblioteca aperta a scuola" ed. Erickson, Trento, 2007 (Questo il link del libro: www.erickson.it/Libri/Pagine/Scheda-Libro.aspx?ItemId=37845).

La proposta è quella di istituire una “piccola” biblioteca dentro ogni scuola perché le biblioteche non ci sono quasi più. E di far funzionare e sviluppare le pochissime esistenti. Non è il bambino che deve andare in biblioteca, ma è il libro che deve andare a scuola. La frontiera obbligatoria è quella scolastica, per tutti. In Svezia la prima ora di scuola al mattino è un’ora di lettura. E’un’attività che al valore strettamente scolastico aggiunge quello culturale di decodificazione delle discipline e quello psico-affettivo. La biblioteca diventa la casa del sapere, il cuore pulsante della scuola.

Economicamente costerebbe pochissimo organizzare piccole biblioteche scolastiche con un patrimonio minimo di dieci libri per allievo, seguendo, ad esempio, gli standard indicati nelle Linee guida IFLA. Oggi l’editoria per i bambini è varia e tocca tutti i rami del sapere e con la biblioteca si può fare scuola, in ogni disciplina. La mia proposta è quella di una sperimentazione innovativa sul territorio nazionale. Per lavorare con “biblioteca aperta” è indispensabile una “Scuola aperta”.